Le Mimesi modificano il processo evolutivo di dette patologie

Nella mia esperienza di medico ho preso atto che, soprattutto nelle patologie croniche di qualunque natura, psichiche od organiche, attuare una terapia medica e/o chirurgica associata ad una tecnica simil costellazioni familiari, mimesi o gioco dei ruoli in gruppo, amplifica nettamente la prognosi del quadro clinico e modifica il processo evolutivo di dette patologie.
Tutti noi conteniamo una struttura genetica, che in parte ci predispone verso processi comportamentali o metabolici più o meno vincolanti. Tale processo viene decodificato col termine di “predisposizione genetica”. Dall’avvento della decodificazione del nostro patrimonio genetico umano (DNA) avvenuto nel 2.000, oggi sappiamo che esiste un altro processo che viene decodificato col termine “epigenetica”. Tale processo determina e facilita l’attivazione o la non attivazione di determinati settori del nostro DNA e viene influenzato dall’ambiente e dal nostro stile di vita oggettivo ed emotivo. Qui è dove tali tecniche di gruppo possono intervenire, ossia modificando o facilitando l’attivazione o no di parte del nostro DNA, e quindi possono variare la nostra predisposizione verso determinate patologie organiche o comportamentali. 
L’epigenetica oggi viene anche descritta, da molti autori, e anche da me in base alla mia esperienza, come il nostro patrimonio emotivo ereditato dai nostri Antenati. È un sotterfugio di Madre Natura per aiutarci a non perdere le esperienze vissute e poterle donare in eredità ai nostri discendenti. Con la genetica ereditiamo una predisposizione organica, con l’epigenetica ereditiamo una predisposizione emotiva comportamentale.
Le mimesi o costellazioni familiari in gruppo, creano un campo morfico, all’interno del quale noi possiamo, come entrassimo in una finestra spazio temporale, vedere, percepire, elaborare emotivamente un qualcosa che è dentro di noi, che fa parte della nostra epigenetica, che abbiamo ereditato amorevolmente dai nostri Antenati.
Tutto ciò che avviene in natura è sempre una richiesta di “voglia di vivere” e di richiesta di “attenzione”.

Archivio CONFERENZE in linea (gratuite)

CONFERENZE in linea

L’UOMO, LE PIANTE E IL CLIMA

IL RUOLO DEL PADRE

MALATTIA, EVOLUZIONE E APPRENDIMENTO

Lasciare una traccia: generare una modificazione organica in noi e nei nostri discendenti.

MIMESI, COSTELLAZIONI FAMILIARI – COME FUNZIONANO?

Lasciare una traccia: generare una modificazione organica in noi e nei nostri discendenti.

L’OMEOPATIA QUESTA SCONOSCIUTA

LA SINDROME DEL GEMELLO SCOMPARSO

LATERALITA’ E SIMBOLISMO NELLE PATOLOGIE ARTICOLARI

WEB

PASSIONE E NOIA: CHI STO AMANDO?

Video della conferenza: La Comunicazione non verbale tra Genitori e Figli

Perché è importante vedersi nel proprio Figlio e come creare empatia con lui SEMPRE

In questa conferenza online il Dott. Andrea Penna oltre a spiegare questi concetti e fornire consigli pratici pronti all’uso, porta casi clinici particolari ponendo l’attenzione su quali simboli ha decodificato nel tempo sul rapporto Genitori e Figli.

 

ACQUISTA IL VIDEO (2€)

È importante capire e tenere sempre a mente una cosa: noi siamo ciò da cui deriviamo e siamo ciò che creiamo!

Noi deriviamo dai nostri GENITORI e siamo quello che saranno i nostri FIGLI. È fondamentale comprendere questo concetto fino in fondo, perché determina ogni giorno la nostra esistenza e il rapporto con i nostri figli.

Che ci piaccia o no, noi siamo i nostri genitori e i nostri figli, sia in quello che ci piace sia in quello che NON ci piace, anche se non lo vediamo, perché magari si manifesta in maniera diversa e quindi non ce ne accorgiamo. Tante situazioni che accadono nella nostra vita DIPENDONO da questo aspetto.

La miglior tecnica terapeutica emotiva e analitica che la vita può offrici è vederci in loro, ancora meglio in tutti i nostri consanguinei. Comprendere che se fossimo nati al posto loro saremmo COME LORO, capire che se fossimo figli di noi stessi saremmo come i nostri Figli.

Le prime abilità importanti da sbloccare secondo Andrea Penna sono queste:

  • essere coscienti di noi stessi;
  • essere qui e ora;
  • vedersi nei consanguinei;
  • e soprattutto… essere ironici con noi stessi!

Sembrano semplici, ma sono più articolate di quanto noi crediamo.

ACQUISTA IL VIDEO (2€)

GUARDARSI ALLO SPECCHIO

La nostra critica e la nostra capacità nel vedere, interpretare e approcciare sia il mondo reale e sia il mondo religioso, nasce dalla mescolanza della percezione emotiva che ognuno di noi ha avuto nella vita embrionale e la percezione emotiva che nostra Madre aveva del mondo che la circondava durante la nostra gravidanza.

Il rapporto tra noi/embrione e il corpo di nostra Madre diviene il nostro archetipo interpretativo di ciò che noi definiremo “mondo reale”, il mondo concreto, lo Yin, questo archetipo rappresenta tutto quello che noi per cultura definiamo e chiamato “la scienza”, quello che storicamente era la fisica newtoniana o la chimica del 1800.

Il rapporto e il tempo mio trascorso tra nostra Madre e il mondo che la circondava durante la nostra gravidanza, noi/embrione lo percepiremo e lo memorizzeremo come il “mondo mistico o religioso”, la parte non concreta delle cose, il mondo Yang, l’altro; questo archetipo rappresenta tutto quello che noi per cultura definiamo come impercettibile, interpretabile, è la fisica quantistica, è lo studio dei campi magnetici, dei campi gravitazionali, tutti basati sulla percezione indeterminabile del campo energetico delle cose.

Le “Costellazioni Familiari Sistemiche” secondo il metodo insegnato da Hellinger o le “Mimesi della nostra vita”, variante da me ideata in base alle mie esperienze, ci permettono di osservare e misurare tali ipotesi interpretative del nostro vivere.

Tali tecniche infatti ci permettono di concretizzare azioni o emozioni memorizzate nel nostro corpo, nelle nostre unità funzionali organiche, ghiandolari e nervose e osservarle nel loro movimento, utilizzando, simil teatro greco, persone che rappresentano il piano della nostra ricerca (emozioni, antenati, malattie), lasciati liberi di muoversi con movimenti spontanei. Come nel teatro antico greco, ove ogni attore seguiva un canovaccio, e dunque, durante la rappresentazione, lentamente si impregnava e immedesimava nel ruolo del personaggio che andava a interpretare, ed entrava senza volere e senza sapere in un archetipo comportamentale, così anche nelle Mimesi, il rappresentante entra, indipendentemente dalle sue conoscenze, nel campo emotivo di ciò che andrà a rappresentare, entrerà in risonanza con qualcosa che le appartiene e con qualcosa che non le appartiene. Nell’arco di centinaia di anni, i Greci notarono che ogni attore recitava e rappresentava i vari Dei, utilizzando sempre medesimi archetipi. Stessa osservazione la notò anche lo stesso Jung, molti dei suoi pazienti, nella descrizione del mondo e delle loro emozioni, anche se totalmente ignari della mitologia greca, la riproducevano.

Ciò sta ad indicare che esistono riflessi o canovacci comportamentali che ci guidano e creano i nostri modelli di vita di relazione; ogni elemento che ruota intorno a noi, durante la vita embrionale, rappresenterà un mito, e ci accompagnerà per tutta la nostra vita.

Appunti del convegno in linea Corona Circus

Metto a disposizione i due articoli che ho presentato durante la mia relazione al seminario web del 4 aprile 2020 come relatore.

LE PATOLOGIE SONO ATTI COGNITIVI: La mia idea è che le PATOLOGIE sono ATTI COGNITIVI.

Ossia, l’atto del “comprendere” implica cambiare sia nel fisico e sia nel modo di agire. Probabilmente l’evoluzione possiamo anche osservarla come un insieme di malattie che hanno obbligato i nostri predecessori a modificarsi in modo rapido, creando e selezionando un nuovo patrimonio genetico nel DNA o un novo patrimonio proteico nel citoplasma, mescolando le informazioni che ognuno possedeva in modo orizzontale, proprio per mezzo di virus.

Possiamo forzare tale ipotesi arrivando a dire che senza i virus l’evoluzione sarebbe avvenuta in modo più lento, che ciò che siamo, è anche grazie a tale meccanismo di comunicazione tra forme viventi. E’ una ipotesi.

L’evoluzione, osservando i reperti archeologici in nostro possesso, è avvenuta per salti e non in modo lineare, l’ipotesi di malattia/drastico cambiamento/adattamento/evoluzione potrebbero essere una nuova interpretazione.

Tali articoli rappresentano i confini della nuova ricerca nel campo delle infezioni e sovra-infezioni virali e batteriche. Modificano e obbligano una attenta rilettura del significato dei virus, non come portatori di infezione, ma come meccanismi evolutivi e di comunicazione tra forme viventi.

Probabilmente i virus non sono infezioni, sono, permettetemi il termine, degli ormoni, sono una posta genetica tra cellule e forme viventi, sono dei messaggeri di informazioni.

Al termine di ogni articolo, in neretto troverete le mie riflessioni conclusive.

Dott. Andrea Penna

Video della conferenza: Fisica e Metafisica, Scienza e Teologia, Presente e Passato

Fisica e Metafisica, Scienza e Teologia, Presente e Passato

Video della conferenza dell’8 ottobre 2019.

Quando parliamo di fisica o di metafisica, quando parliamo di scienza o di teologia, di cosa stiamo realmente parlando? Quali simboli la nostra mente nasconde dietro tali differenti modi di osservare tutto ciò che ci circonda? Che differenza esiste tra ciò che sappiamo misurare e tra ciò che possiamo solo intuire? Dove siamo quando pensiamo in modo razionale e quando pensiamo in modo astratto?

Negli anni ho compreso che la Fisica è il rapporto coi nostri Genitori e la Metafisica è la percezione dei miti, dell’agire dei nostri Antenati. Il nostro rapporto emotivo di desiderio o repulsione, di elogio o di critica verso questi due campi di studio nasce da eventi reali vissuti o ereditati, che possono essere messi in luce con tecniche quali le costellazioni o le mimesi.

VIVERE IN MONDI PARALLELI

Tracciare il confine tra noi e il mondo. Dalla notte dei tempi l’uomo ha sempre indagato per comprendere la relazione che esisteva tra la sua mente, i suoi pensieri, il suo corpo e tutto ciò che lo circondava. Ancora oggi cerchiamo questi confini. La ricerca scientifica della nostra cultura occidentale purtroppo non sempre ci aiuta, aggiunge elementi e rende a volte tutto ancora più complesso. Eticamente tutti vorremmo che la verità sia nella semplicità, e forse è così.

Tutte le nostre riflessioni sono figlie della meditazione: restare noi davanti al mondo, fermi. In quel istante, nel silenzio, arriva qualcosa, tutti abbiamo provato almeno una volta nella nostra vita questa esperienza. E’ come mettersi davanti ad una radio, l’accendiamo e restiamo in silenzio ad ascoltare i suoni che da essa emergono, le informazioni che possono essere e arrivare a noi da ogni parte del mondo.

Probabilmente per comprendere il nostro confine col tutto, dobbiamo vivere nel giorno e vivere nella notte. Di giorno vediamo un aspetto del mondo, quello oggettivo, pratico. Di notte per mezzo della nostra attività onirica percepiamo e decodifichiamo l’altro aspetto del mondo, percepiamo il contenuto emotivo delle cose, percepiamo la relazione empatia che si va creando tra noi e gli altri, vediamo sia le nostre paure e sia le nostre certezze.

Viviamo due vite parallele. Forse la caratteristica saliente di noi umani è questa nostra capacità sia di entrare e sia di estraniarci dalla componente oggettiva del mondo. Nella fase onirica e meditativa forse entriamo in un limbo, ai confini della sola energia fatta di pensiero.

Il pensiero forse è un contenitore di informazioni, è la decodificazione di un campo all’interno del quale siamo collocati e col quale interagiamo; lo modifichiamo dinamicamente dentro noi e lo restituiamo, e lo mettiamo a disposizione di altri. Percepiamo la dinamica del sistema che è intorno a noi per mezzo di pensieri ed emozioni. Traduciamo in pensieri ciò che il mondo prova, forse questo spiega il perché, quando andiamo a vivere in paesi diversi, diventiamo diversi, creiamo inevitabilmente nuove credenze, nuove religioni e nuovi modelli di vita.

Se il pensiero è anche un qualcosa che è intorno a noi, il nostro confine diventa impalpabile, tende allo zero ma non arriverà mai allo zero assoluto, come l’influenza gravitazionale tra due corpi celesti, per quanto siano lontani esisterà sempre tra loro una relazione, saranno sempre parte di un sistema. Di giorno siamo la nostra massa di corpo celeste in movimento nello spazio. Nella fase onirica siamo in quella rete gravitazionale, senza apparente massa, ma solo interazione tra informazioni.

Siamo una interazione di nuvole di pensieri. Ci nutriamo e ci forgiamo uno con l’altro; forse tale interazione di informazioni non è presente e attiva solo tra noi esseri umani, ma probabilmente lo è tra tutte le forme viventi. Tutte le mattine mi alzo e guardo le piante che ho in casa, guardo le piante del viale della strada ove abito, resto in silenzio, immagino che anche loro mi guardano; immagino due esseri, io e loro, che non hanno bisogno di parlare per capirsi, c’è tra me e loro una interazione empatica.

Espandersi nei due mondi, nelle due realtà. Di giorno siamo nel tempo, di notte, sognando siamo nello spazio, siamo nella dimensione del “tutto è qui ed ora”.

L’atto terapeutico è cambiare o aggiungere elementi all’immagine che noi abbiamo del tutto. Solo allora l’interazione tra noi e il tutto cambia. Inevitabilmente la rete gravitazionale tra noi e il mondo cambia, allora noi senza sforzo ci sposteremo. Cambiamo l’informazione del mondo, ma noi siamo anche il mondo.

“Impara ad ascoltare”. E’ la frase che maggiormente ci è stata detta dalla scuola, dai nostri genitori, dai nostri partner, dai nostri colleghi, dalla vita. E’ la frase che più ci ha messo in difficoltà. Ora che sono nella seconda metà della mia vita, ho compreso che ascoltare è restare in meditazione e aspettare che qualcosa emerga. E’ porsi una domanda e andare a dormire, è accendere la radio e restare in ascolto. Aspettare che l’altro mondo ci dica l’altra verità.

Possiamo anche parlare con gli altri in questo mondo onirico, poiché ogni informazione gira liberamente in questa dimensione. Molti dei miei pazienti li invito, quando si pongono nel letto sotto le coperte, in quella fase di rilassamento piacevole, a realizzare un sogno vigile guidato, li invito a immaginare di essere davanti alle loro persone amate o odiate e parlare con loro, raccontare loro le loro paure, li invito nel sogno ad abbracciarli e di addormentarsi con quella immagine romantica. Da quelle semplici immagini nasce a volte una rivoluzione, famiglie separate da anni si ritrovano, come teleguidati da una rete gravitazionale loro malgrado.

Dal mio punto di vista non esiste la parte oscura, non esiste il “male” nel senso teologico, esiste la disperazione trascinata per generazioni che può divenire anche una forza distruttiva potente, un campo che può accompagnare persone per tanto tempo e li modula e li trasforma. Ogni emozione è un pensiero, è un modo di pensare. La disperazione è un vuoto terrificante fatto di solitudine, di soprusi, cosa può aiutarla maggiormente? Sognare di abbracciarla, lanciare nello spazio una immagine positiva. Pensieri che si incontrano e si modellano. Nel sogno siamo sempre attivi, sia nel ricevere, sia nel dare.

Tutto ciò che viene affrontato razionalmente di giorno ha una durata breve. Tutto ciò che viene affrontato nel sogno e nella meditazione diventa immediatamente una esperienza.

Avere una o più tecniche a disposizione per imparare ad usare questi due mondi paralleli senza paura, può essere un valido supporto.

Dott. Andrea Penna

25° Convegno Internazionale di Ricerche Parapsichiche e Bioenergetiche

Il Dr. Andrea Penna, nell’ambito del 25° Convegno Internazionale di Ricerche  Parapsichiche e Bioenergetiche ha tenuto una conferenza sul tema “La memoria emotiva: il rapporto tra emozioni e azioni“.

 

Mini relazione degli argomenti trattati.

Nel mese di aprile 2019 son stato invitato come relatore al 25° Convegno

Internazionale “L’Uomo Multimediale, oltre i confini della mente”, tenutosi a Montesilvano; esperienza bellissima e interessante, coinvolgente; ho conosciuto persone emotivamente orgogliose delle lororicerche e del loro lavoro, dei loro manoscritti. L’artefice del tutto è Nicola Cutolo, uomo poliedrico, che ringrazio pubblicamente per tutto ciò che realizza e ringrazio anche tutte le Persone che costantemente collaborano con Lui e

lo aiutano nell’organizzazione.

Ho partecipato all’evento attivamente come uno dei tanti relatori, affrontando come tematica “La Memoria Emotiva; il rapporto tra emozioni e azioni“. Ho descritto in parte il mio lavoro, l’esperienza che sto acquisendo per mezzo delle Mimesi, una tecnica che ci permette di mettere in scena le emozioni dei nostri Antenati e le forze che hanno guidato loro e noi, che sono dentro di noi e poterle vedere e interagire con esse. Il confine tra Noi e i nostri Antenati non esiste, è il principio della non localizzazione, del poter essere come informazione ovunque. Fisicamente, col nostro corpo, siamo qui, nel oggi. Come informazione siamo ovunque; eravamo già nei nostri Antenati. I nostri Antenati erano fisicamente nel passato, ma la loro informazione è anche in noi; chi siamo dunque Noi? Un insieme romantico di informazioni, che biologicamente possiamo chiamare emozioni. Le emozioni sono un ologramma che contiene attimi di vita, informazioni, eventi e tutto quello che il nostro sapere e fantasie vuole collocare. Nella conferenza ho descritto dunque due mondi: il mondo reale o mondo della fisica, ciò che possiamo indicare con un dito, come diceva Aristotele, e un mondo emotivo o mondo della metafisica, ciò che possiamo descrivere ma non indicare. Il mondo della fisica è ciò che emotivamente noi abbiamo e continiamo a provare direttamente con i miei Genitori; è ciò che noi definiamo razionalmente l’oggi, il qui ed ora, Il mondo della metafisica, della spiritualità, della religione è tutto ciò che è stato emotivamente provato prima di noi da Altri e che si perde nella notte dei tempi, che percepiamo come facente parte di me, ma non riesciamo a misurare e ponderare, è una sensazione o percezione metafisica, filosofica.

Ecco l’immagine da me proiettata durante la conferenza.

Si vedono i due mondi o i nostri due modi di vedere il mondo: a sinistra l’aspetto fisico oggettivo, razionale, ciò che possiamo toccare e misurare direttamente (il rapporto tra noi e i nostri genitori); a destra la percezione metafisica o filosofica delle cose (l’eredità di tutte le emozioni di chi è vissuto prima di noi), ciò che non possiamo misurare ma solo percepire e descrive come interpretazione del mondo.

Dr. Andrea Penna